Nicola Andreini

Report CLINIC DEADLIFT del 15 febbraio 2020

Lo scorso sabato 15 febbraio, si è svolto il seminario sullo Stacco da Terra, l’alzata principe per lo sviluppo globale della Forza. 

Gli argomenti principali sono stati: le tipologie di stacco e le loro caratteristiche peculiari, la tecnica migliore per ogni atleta, le differenze biomeccaniche tra i diversi posizionamenti, le traiettorie ideali e l’analisi della velocità d’esecuzione.

La parte teorica è stata corredata dalla visione di video e dall’analisi degli stessi, per poter comprendere come gli atleti d’elitè si approccino al DeadLift.

Il seminario ha visto la partecipazione di 11 atleti, che a termine della parte teorica, svolta in maniera interattiva, scambiando opinioni e diramando i dubbi, sono stai analizzati tecnicamente durante lo svolgimento di un’alzata al 70% del proprio massimale di Stacco.

Questo ha permesso di valutare la tecnica d’esecuzione, di dare gli aggiustamenti necessari ove dovuti e di migliorare ed ottimizzare le linee d’esecuzione in base alle proporzioni antropometriche dell’atleta.

A corredo di queste attività si è parlato anche delle attrezzature di supporto utili per poter eseguire l’alzata in sicurezza e degli esercizi di mobilità consigliati nel riscaldamento.

Momento importante del Clinic è stato quello sull’uso della manovra di Valsava e sulla gestione corretta della respirazione durante lo svolgimento dell’alzata. Focus importante è stato dato anche alla posizione della testa e dello sguardo.

Questo seminario è stato quello centrale dei tre dedicati alle alzate di Potenza, dopo lo Squat e prima del conclusivo seminario sulla Panca Piana o Bench Press.

Antonio a.k.a. “KONG” Chiarelli

*****

Hai trovato interessante questo articolo??

Ti piacerebbe partecipare GRATIS al prossimo CLINIC, quello sulla Panca Piana?

Compila subito il form di contatto qui sotto

 

 

 

Nicola Andreini
Related Post
Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*